Pancho è stato azzannato da un cane

Ho ancora le gambe che mi tremano e il cuore che batte forte. Non ho ben chiaro cosa sia successo esattamente, l’adrenalina ha preso possesso del mio corpo e mi ha fatto agire senza pensare.

Ero in un ufficio, un co-working al quinto piano di un palazzo di Hollywood Boulevard, Pancho era con me, seduto sulla sedia di fianco alla mia mentre facevo una Skype call.

Ad un certo punto si è aperta la porta, dovevo lasciare la stanza perché il tempo limitato della sala riunioni era scaduto.
Finisco la chiamata e ad un certo punto sento un urlo straziante, come di un piccolo maiale che viene sgozzato.

Pancho si dimenava a terra sotto le fauci di un bulldog francese che non accennava a lasciare la presa.

Mi sono buttato in suo soccorso, ho gridato, è arrivata gente da tutti gli uffici. Il cane era ancora attaccato al collo di Pancho e non si staccava.

Pancho urlava. Ad un certo punto ho infilato le mie mani nella bocca del cane e ho aperto con tutta la forza che avevo, non era la cosa da fare, lo so ma d’istinto ho fatto così. Forse meglio la mia mano che il collo del mio cane, ho pensato, e ho agito d’istinto.

Non so cosa sia successo ma all’improvviso il cane si è staccato.

Il padrone si è scusato, io non ho nemmeno sentito la sua voce, guardavo Pancho, che tremava tremava tremava.

L’ho preso e l’ho portato via, lontano da li per accertarmi che stesse bene. Tremava tremava e tremava. L’ho tranquillizzato, l’ho messo a terra e camminava perfettamente. Mi guardava e tremava. Poi ha iniziato a leccarmi, continuamente, come per ringraziarmi. E’ stato tenero.

Una volta calmato l’ho controllato e ho notato che aveva una ferita al collo e che perdeva sangue, poco ma sanguinava e così sono corso dal veterinario. Lo hanno tosato nel punto del morso per verificare l’entità del danno e fortunatamente si tratta di una ferita superficiale.
Niente di grave, Pancho è forte e si riprenderà presto ma dovrà starsene una settimana a casa sotto antibiotici e medicazioni; notare il referto del veterinario che dice che Pancho non può correre, saltare o arrampicarsi ma può fare yoga! 🙂

Ora vi saluto che vado a dormire, oggi è stata una lunga giornata. La star dorme già come un angioletto.

Vi terremo aggiornati…

Iscriviti alla newsletter di Nic e Pancho cliccando QUI per avere aggiornamenti sulle nostre attività.


0 Commenti

Leave a Comment

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *